Reflex Digitali: Fotografia senza limiti

Le fotocamere reflex digitali indicate con la sigla DSLR (abbreviazione di Digital Single Lens Reflex), sono di gran lunga la scelta standard e più diffusa. Sono versatili e offrono fotografie professionali di alta qualità. E’ ampiamente utilizzata sia dai dilettanti che dai professionisti. Una fotocamera DSLR permette di vedere l’immagine esatta che si sta riprendendo direttamente attraverso il mirino, consentendo di visualizzare e catturare meglio le scene. Possono inoltre lavorare con una serie di obiettivi intercambiabili.

Le fotocamere reflex digitali più vendute in offerta

- 28%
Panasonic Lumix DMC-G80MEG-K Fotocamera Digitale Mirrorless, Dual I.S.2, Video 4K, 16 Megapixel, Nero
Panasonic Lumix DMC-G80MEG-K Fotocamera Digitale Mirrorless, Dual I.S.2, Video 4K, 16 Megapixel, Nero
Doppio stabilizzatore d'immagine Dual I.S.2; Corpo macchina in lega di magnesio; Funzioni 4K Photo e 4K Video
899,99 EUR −28% 649,00 EUR
- 24%
Canon EOS 2000D 18-55 IS SEE Fotocamera, Nero
Canon EOS 2000D 18-55 IS SEE Fotocamera, Nero
Cattura momenti indimenticabili; Compatto, facile da usare, portalo ovunque; Fotocamera EOS 2000D BK 18-55 IS SEE
566,00 EUR −24% 431,00 EUR
- 12%
Nikon D7500 Fotocamera Reflex Digitale con Obiettivo AF-S DX NIKKOR 18–140mm f/3.5-5.6G ED VR, 20.9 Megapixel, Nero
Nikon D7500 Fotocamera Reflex Digitale con Obiettivo AF-S DX NIKKOR 18–140mm f/3.5-5.6G ED VR, 20.9 Megapixel, Nero
Sensore in formato DX da 20,9 MP; motore EXPEED 5; sensore di misurazione esposimetrica; rGB a 180K pixel
1.469,00 EUR −12% 1.299,00 EUR
- 9%
EOS 250D (24,1 Megapixel, display orientabile da 7,7 cm (3 pollici), sensore APS-C, 4K, Full HD, DIGIC 8, WLAN, Bluetooth), Nero, con obiettivo EF-S 18-55 mm f/3.5-5.6 III, nero
EOS 250D (24,1 Megapixel, display orientabile da 7,7 cm (3 pollici), sensore APS-C, 4K, Full HD, DIGIC 8, WLAN, Bluetooth), Nero, con obiettivo EF-S 18-55 mm f/3.5-5.6 III, nero
Mirino ottico: Osserva le cose come sono realmente; Bluetooth e Wi-Fi; Video 4K per un'incredibile risoluzione
799,00 EUR −9% 729,40 EUR
Canon Italia EOS 4000D + EF-S DC III Fotocamera Reflex, Nero, Lunghezza Focale 18-55 mm
Canon Italia EOS 4000D + EF-S DC III Fotocamera Reflex, Nero, Lunghezza Focale 18-55 mm
Scatta immagini splendide con sfondo naturale sfocato in tutta semplicità
415,50 EUR
Canon EOS 6D Mark II Body Fotocamera Digitale Reflex, Nero
Canon EOS 6D Mark II Body Fotocamera Digitale Reflex, Nero
Vantaggio incluso 75GB gratuiti su Irista, il cloud fotografico di Canon
1.233,00 EUR
Nikon D7500 Body Fotocamera Reflex Digitale, 20,9 Megapixel, Wi-Fi, Bluetooth, SD 8GB 300x Premium Lexar, Nero [Nital Card: 4 Anni di Garanzia]
Nikon D7500 Body Fotocamera Reflex Digitale, 20,9 Megapixel, Wi-Fi, Bluetooth, SD 8GB 300x Premium Lexar, Nero [Nital Card: 4 Anni di Garanzia]
Sensore in formato dx da 20.9 mp; Motore expeed 5; Sensore di misurazione esposimetrica; Con rgb a 180k pixel
1.285,00 EUR
Canon EOS 4000D 18-55 SEE Fotocamera, Nero
Canon EOS 4000D 18-55 SEE Fotocamera, Nero
30-1 / 4000 sec. (passi 1/2 o 1/3), modalità bulb (intervallo di tempo di esposizione; L'intervallo disponibile varia in base alla modalità di acquisizione)
429,99 EUR

Quali sono i vantaggi dell’utilizzo di una fotocamera DSLR?

Anche se la tecnologia si è evoluta ulteriormente rispetto alla reflex digitale, i vantaggi dell’uso di questa particolare fotocamera sono ancora molti:

  • Obiettivi intercambiabili. La maggior parte delle fotocamere digitali è costituita da obiettivi fissi con lunghezze focali prestabilite, il che significa un minore controllo manuale. Una DSLR utilizza una serie di obiettivi diversi, che consentono di avere a disposizione un maggior numero di opzioni per gli scatti, come la profondità di campo personalizzabile, la regolazione della velocità dell’otturatore o i grandangoli.
  • Autofocus rapido. Le fotocamere DSLR sono dotate di un sistema avanzato di tracciamento del soggetto, che consente una messa a fuoco automatica rapidissima, essenziale per gli sport e gli eventi.
  • Lunga durata della batteria. Il mirino ottico richiede meno energia rispetto alle altre fotocamere, quindi la batteria dura di più, il che significa più tempo per scattare foto.
  • Maggiore spazio di archiviazione. A differenza delle fotocamere a pellicola, quando si scatta una foto con una DSLR, questa viene memorizzata su una scheda di memoria, che può contenere molte più foto. Non dovrete preoccuparvi di consumare costose pellicole mentre cercate di ottenere lo scatto perfetto.
  • Nessun ritardo. Dato che la luce viene diretta direttamente nel mirino ottico, la scena esatta può essere vista senza ritardi come in alcune fotocamere punta e scatta. Ciò significa meno tempo speso per mettere a fuoco l’immagine e più tempo per catturarla.
  • Sensori di grandi dimensioni. Sebbene i megapixel svolgano un ruolo importante per una buona risoluzione e un’elevata qualità dell’immagine, sono i sensori più grandi delle reflex digitali ad aumentare la qualità delle immagini. A differenza dello smartphone, il sensore di una DSLR è di grandi dimensioni, il che lo rende ideale per le situazioni di scarsa illuminazione. Più grande è il sensore, più luce viene catturata.
  • Molti accessori. Una DSLR è versatile nell’uso di accessori e gadget extra, come supporti, flash e trigger, il che la rende un’esperienza davvero personalizzabile e vi offre un’ampia gamma di modi per scattare le vostre foto.

fotocamere-reflex-digitali-DSLR

10 termini essenziali che ogni fotografo principiante dovrebbe conoscere

La fotografia è una tecnologia antica e nei quasi due secoli trascorsi dalla sua scoperta è nata una terminologia da dizionario. Per i fotografi principianti, questo può significare che anche prendere in mano una guida “how-to” può essere un esercizio di frustrazione. Immaginate di cercare di seguire una ricetta per l’hummus senza sapere cosa fosse un cece: è la situazione in cui si trovano molti fotografi principianti!

Per aiutarvi a fare il primo passo verso la padronanza della vostra fotocamera e del vostro nuovo hobby, digiDirect ha raccolto le definizioni dei dieci termini essenziali che dovete imparare per iniziare a fotografare.

Sensore di immagine

Per prima cosa, imparate qualcosa sulla vostra fotocamera. Il sensore di immagine è probabilmente il componente più importante del vostro kit. Funzionando come un equivalente digitale della pellicola fotografica utilizzata in una fotocamera analogica, un sensore di immagine converte la luce in segnali elettronici che diventano l’immagine che vedete sullo schermo.

Esistono diverse tecnologie per i sensori di immagine, ma anche i modelli entry-level utilizzano il cosiddetto sensore CMOS (complementary metal-oxide-semiconductor), lo stesso utilizzato nelle fotocamere DSLR full-frame di alta gamma.

Esposizione

In termini generali, l’esposizione è la quantità di luce che colpisce il sensore di immagine della fotocamera digitale. Questa è controllata da una serie di fattori, alcuni dei quali si possono controllare (come l’apertura,l’ISO e la velocità dell’otturatore) e altri no (fattori ambientali). Se una foto è troppo scura è sottoesposta, mentre se è troppo luminosa è sovraesposta.

L’esposizione può essere ulteriormente manipolata per ottenere specifici effetti di nicchia. Un esempio frequente è l’uso di lunghe esposizioni. Si tratta di una situazione in cui c’è poca luce, il che normalmente si tradurrebbe in una fotografia sottoesposta, ma con una velocità dell’otturatore molto più bassa del normale si lascia entrare abbastanza luce per avere un’immagine finale correttamente esposta. Il risultato può creare effetti interessanti, come le scie delle stelle o le auto che sembrano strisce di luce.

Apertura del diaframma

In termini generali, un’apertura è un’apertura o un vuoto in qualcosa. Quando viene utilizzato nel contesto della fotografia, si riferisce sia al diametro di un’apertura che limita artificialmente la quantità di luce che colpisce l’obiettivo, sia al meccanismo che consente all’utente di modificare tale diametro. Questo meccanismo si apre e si chiude, come una pupilla che si dilata e si restringe in risposta al variare delle condizioni di luce.

I diversi diametri di apertura sono specificati con un numero f o f-stop. Sul lato dell’obiettivo è presente una serie di numeri, indicati con “f/”, che generalmente vanno da meno di 5 (come “f/4”) a più di 20 (“f/22”). Più alto è il numero, più piccola è l’apertura e minore è la luce che entra nel sensore dell’immagine. L’impostazione dell’apertura dipende in larga misura dall’illuminazione disponibile e dalle decisioni sulla profondità di campo.

ISO/Velocità della pellicola

Mentre l’apertura controlla la quantità di luce che raggiunge il sensore di immagine, l’ISO determina la sensibilità del sensore stesso alla luce. Le diverse sensibilità sono indicate con numeri ISO diversi, con numeri più alti che denotano una maggiore sensibilità.

Se si imposta un valore ISO troppo alto, l’immagine risulterà disturbata (come descritto di seguito), quindi la sfida è sempre quella di utilizzare l’ISO più basso possibile per ogni singolo scatto, per ridurre al minimo la possibilità di disturbi. Quando si usavano le fotocamere a pellicola, si usava anche il termine velocità della pellicola per descrivere questo aspetto.

Velocità dell’otturatore

Ricordate quando abbiamo parlato di fotografia a lunga esposizione? Le modifiche alla velocità dell’otturatore consentono di ottenere questo risultato. Il sensore di immagine della fotocamera non è costantemente esposto alla luce, che per la maggior parte del tempo è bloccata dall’otturatore. Quando si scatta una foto, l’otturatore si apre – in genere per un periodo estremamente breve – per esporre il sensore alla luce. Il sensore deve essere esposto solo per una frazione di secondo, in genere 1/500 o 1/250 di secondo.

Poiché la velocità dell’otturatore determina il tempo in cui la luce colpisce il sensore, velocità dell’otturatore bassa = esposizioni più lunghe = più luce nell’immagine. Una velocità dell’otturatore troppo elevata può portare a immagini troppo scure. La fotografia di oggetti in rapido movimento richiede una velocità dell’otturatore più elevata per congelare il movimento: se la velocità dell’otturatore è più lenta dell’azione fotografata, il movimento apparirà sfocato. Per questo motivo i corridori e gli atleti vengono

spesso fotografati con velocità dell’otturatore elevate, come 1/4000, mentre gli scatti di paesaggi statici possono essere realizzati a 1/125 o meno.

Bilanciamento del bianco

Il bilanciamento del bianco (o del colore) è un’impostazione che consente all’utente di compensare l’illuminazione di colore diverso in situazioni di colore diverso.

Un oggetto fotografato sotto lampadine a incandescenza arancioni avrà un aspetto drasticamente diverso se fotografato all’esterno in una giornata limpida. Il bilanciamento del bianco consente di compensare questa variazione di illuminazione ambientale, assicurando che un abito da sposa abbia lo stesso aspetto quando la cerimonia passa dall’interno della chiesa a un ricevimento all’aperto.

Messa a fuoco

Un oggetto a fuoco appare chiaro e nitido con dettagli visibili, mentre un oggetto fuori fuoco appare sfocato e indistinto. A seconda della vostra fotocamera, potete scegliere se mettere a fuoco manualmente le immagini o affidarvi a una messa a fuoco automatica controllata dal computer che, in alcune fotocamere, è in grado di seguire con precisione gli oggetti in movimento tra uno scatto e l’altro.

In ogni caso, è buona norma familiarizzare con la messa a fuoco manuale. Non solo vi aiuterà a produrre una più ampia varietà di scatti, ma vi permetterà di capire meglio il funzionamento della vostra fotocamera.

Profondità di campo

La profondità di campo (DOF) si riferisce al punto in cui un oggetto appare nitido e chiaro in una fotografia, oltre il quale l’immagine appare sfocata. Un’apertura maggiore (indicata da un numero di f-stop inferiore) darà una DOF più stretta, mentre un’apertura minore (un numero di f-stop maggiore) risulterà in una DOF maggiore. Descritta in metri, può variare da frazioni di millimetro (nel caso della fotografia macro di oggetti molto piccoli) a infinita (nel caso di un intero paesaggio o di una catena montuosa).

La DOF è una scelta artistica oltre che pratica. Ad esempio, una DOF poco profonda enfatizza il soggetto della fotografia, sfocando e quindi mettendo in secondo piano le cose che si trovano davanti e dietro di esso, focalizzando meglio l’attenzione dell’osservatore.

Rumore

Il rumore si riferisce a variazioni di colore o luminosità nelle immagini che non appaiono nel soggetto stesso. Queste variazioni si verificano per una serie di motivi, ma la maggior parte deriva da un’impostazione errata dell’ISO: se troppo alta, le immagini appaiono sgranate.

Inoltre, i sensori di immagine più piccoli sono più sensibili al rumore. Le fotocamere dotate di sensori più grandi possono scattare fotografie a ISO molto più elevati senza produrre rumore rilevabile. Se si prevede di scattare molte fotografie in condizioni di scarsa illuminazione o ad alta velocità, è bene tenere conto di questo aspetto nella decisione di acquisto. Per saperne di più sul dimensionamento del sensore, consultate il nostro articolo “Le dimensioni del sensore spiegate”.

Elaborazione dell’immagine

Tra la pressione del pulsante di scatto e la visualizzazione dell’immagine sullo schermo LCD della fotocamera passano molte cose. Tra la cattura della luce da parte del sensore di immagine e la

visualizzazione della foto scattata, la maggior parte delle fotocamere esegue per impostazione predefinita una serie di funzioni sull’immagine, come la riduzione del rumore, il ridimensionamento dell’immagine, la correzione del colore e la codifica in un file leggibile dal computer, ad esempio un JPEG. Questa operazione viene definita “pipeline di immagini”.

Per i fotografi principianti, la pipeline dell’immagine non deve essere manomessa e la serie di funzioni di cui sopra migliorerà la qualità della foto. Man mano che si acquisisce esperienza e sicurezza, è possibile disattivare la pipeline delle immagini, costringendo la fotocamera a produrre la cosiddetta immagine grezza. La maggior parte dei normali visualizzatori di immagini non è in grado di elaborare i RAW, quindi è necessario utilizzare programmi specializzati (come Adobe Lightroom) per modificarli ed esportarli come JPG, più facilmente visualizzabili. Durante il processo di editing, le foto RAW offrono ai fotografi esperti maggiori possibilità di modifica.

Per approfondimenti leggi articolo Fotocamere reflex digitali Canon e Nikon: quale comprare?